PlasticFree in azione a Quinzano: trenta sacchi riempiti di immondizie

PlasticFree è tornata in azione. Questa mattina il gruppo veronese, costola dell’organizzazione nazionale omonima, è intervenuta in via Are Zovo a Quinzano. Obiettivo «ripulire una discarica abusiva che sta su quel terreno da almeno tre anni», raccontano. Perché se c’è un sacco per terra, facile che se ne aggiunga un secondo, e se non c’è educazione civile, arriva il terzo che con i successivi trasformano in poco tempo quel terreno in un cumulo di macerie nocive, «nonostante le continue richieste di intervento a vigili urbani, Amia e amministrazione comunale», dice la coordinatrice Antonietta Di Renzo.

Armati di guanti e pinze, sei volontari dell’associazione in poco più di due ore hanno riempito 30 sacchi. «A fine mese incontreremo l’assessore all’ambiente perché questa cattiva abitudine di buttare la spazzatura dove capita deve finire». Anche sui social sono sempre più frequenti le pubblicazioni di foto da parte di veronesi che denunciano il degrado dei loro quartieri per i sacchi di immondizie abbandonati in ogni angolo. Gli abitanti di Borgo Venezia stanno costituendo un gruppo per rimettere a lucido strade e giardini. Si sta creando una nuova mentalità ecologica, ma la mancanza di senso civico è difficile da abbattere. Il gruppo veronese PlasticFree era già intervenuto il mese scorso sul percorso della salute delle Torricelle dove a fine giornata avevano consegnato 10 sacchi di pattume ad Amia con cui è nata una collaborazione: fornisce guanti e altri attrezzi, e poi passa a ritirare il «miserevole raccolto».

A.P. (L’Arena)

Link all’articolo

Rispondi

News correlate