Centinaia di ragazzi Plastic free

Un mozzicone di sigaretta pesa circa mezzo grammo. Gli studenti di Bosco Chiesanuova, nella prima delle tre passeggiate ecologiche organizzate dal gruppo locale di Plastic Free, hanno raccolto per le vie del paese oltre due chili di «cicche». A voi il calcolo di quanti mozziconi erano stati buttati per terra, con leggerezza e maleducazione, per poi venire pazientemente recuperati da ragazzi e ragazze dell’Istituto comprensivo lessinico. A questa prima pulizia ha partecipato una novantina di allievi delle medie Bosco accompagnati da insegnanti e con 10 volontari di Plastic Free. Non solo. Nella stessa mattinata, gli alunni hanno raccattato ben quattro quintali di rifiuti di vario genere, scaricati abusivamente su cigli stradali, scarpate e piazzole della zona. Ma la «fruttuosa» raccolta di immondizie – che verrà ripetuta sabato 30 aprile con le elementari di Bosco e il 14 maggio con la primaria di Corbiolo, e che oggi sarà aperta a tutti i cittadini nelle contrade Campi e Rocolo – è stata preceduta da un ciclo di 14 lezioni in altrettante classi dell’Istituto, coinvolgendo 243 scolari. Spiega Federico Semolini, referente locale di Plastic Free: «Abbiamo affrontato, in particolare, il tema della pericolosità dell’inquinamento ambientale da plastiche e microplastiche, definito dall’Onu il più pericoloso in assoluto, e i principali problemi legati alla produzione, all’uso e al riciclo di questo materiale». «Sensibilizzare le giovani generazioni», sottolinea Semolini, «è fondamentale per prevenire gli errori che commettono molti adulti nel rapportarsi alla natura con superficialità.

Grazie al Comune, al dirigente scolastico Perpolli, agli insegnanti, e a tutti i nostri volontari», conclude Semolini, «e una menzione speciale al mobilificio Scandola e alla Lakshmi srl di Bosco, che ci hanno permesso di regalare a tutti gli alunni una maglietta di Plastic Free, al forno Bonomi di Roverè e al Frac di Bosco, che hanno reso possibile un meritato momento conviviale a fine lavoro». L’assessore all’Ecologia, Daniele Garonzi, prosegue: «I ragazzi si sono davvero superati. Li ringraziamo tutti, uno per uno, per averci dato il buon esempio e la speranza di un futuro in cui la Lessinia continuerà ad essere tutelata, amata e valorizzata». Dalla firma del protocollo tra il Comune di Bosco e Plastic Free, nel luglio del 2021, l’associazione non si è dedicata solo all’educazione ambientale scolastica. Ha organizzato anche tre appuntamenti di «Cleanup» aperti a tutti, in luoghi segnalati dall’amministrazione o dai cittadini, tra vie e contrade; e tre interventi di pulizia mirata con piccoli gruppi di volontari nel piazzale di Branchetto, in tratti di bosco di contrada Comperli e di Val Squaranto. In totale, solo nel 2021, queste iniziative hanno portato alla rimozione di quasi 15 quintali di rifiuti. Simili attività sono previste anche nel 2022, a partire dall’appuntamento di oggi, giornata nazionale di raccolta Plastic Free con più di 400 iniziative in tutta Italia, che verrà dedicata alla pulizia di una porzione di bosco in prossimità delle contrade Campi e Rocolo. In estate saranno invece introdotte le «Plastic Free Walk»: passeggiate di pulizia lungo i sentieri del Parco della Lessinia con guide naturalistico-ambientali dell’associazione «Here I am».

Lorenza Costantino – (L’Arena)

Link all’articolo

Rispondi

News correlate